L’auditorium Floridia sarà affidato alla Fondazione Teatro Garibaldi

2

L’auditorium “Pietro Floridia” sarà affidato alla Fondazione Teatro Garibaldi, almeno per i prossimi cinque anni. Lo ha stabilito l’amministrazione comunale, che ha approvato nei giorni scorsi un’apposita delibera.

Da quando sono stati completati i lavori di restauro di quello che era l’ex Cinema Moderno, la questione dell’affidamento ha posto non pochi problemi, innanzitutto perché per oltre un anno il Comune non è stato nemmeno nelle condizioni di attivare una fornitura di energia elettrica e questo ha fortemente limitato le possibilità di utilizzo della struttura. Già lo scorso mese di gennaio la passata amministrazione aveva stabilito di mettere a bando l’affidamento, a cui parecchie associazioni culturali della città avevano lasciato intendere di ambire. Il bando fu però ritirato all’improvviso, nel mese di marzo, proprio alla vigilia dell’apertura delle buste, suscitando altrettante polemiche: la scelta in realtà era giustificata dal fatto che il Comune aveva formalizzato la disponibilità a concedere il locale per un progetto, presentato dalla Consulta giovanile in collaborazione con l’associazione Musa, per il bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”. La graduatoria dei progetti ammessi in realtà non è ancora stata pubblicata, ma è probabile che la proposta modicana decadrà automaticamente, adesso che la Giunta ha preferito procedere con l’affidamento diretto.

La scelta della Fondazione Teatro Garibaldi, che già dal 2010 gestisce il teatro comunale, è stata motivata dalla Giunta per via dal fatto che l’ente culturale, creato per volontà del Consiglio comunale, “offre garanzie della buona tenuta della struttura e dell’organizzazione e gestione tecnico operativa delle manifestazioni”. L’affidamento è naturalmente inteso a titolo gratuito, “considerando canone di corrispettivo di utilizzo della struttura, l’organizzazione, la gestione tecnica e il pagamento di ogni onere necessario per le manifestazioni promosse dal Comune durante l’arco dell’anno”. Nell’atto di concessione è previsto che la Fondazione dovrà anche impegnarsi a riservare l’utilizzo dell’Auditorium per le iniziative organizzate dalle scuole, mentre tutti gli altri – compagnie teatrali, associazioni, privati – dovranno pagare una tariffa che sarà stabilita annualmente di concerto con l’amministrazione comunale. Naturalmente la Fondazione dovrà provvedere a stipulare e assumere a proprio carico il contratto per la fornitura di energia elettrica, oltre a quelli per le altre forniture e per la gestione di tutti i servizi.