Dieci in gara per il premio al ragusano più illustre. Potete sceglierlo anche voi

4

È iniziata lunedì 14 luglio, sul sito www.ragusaninelmondo.it la votazione on line per poter scegliere il ragusano che riceverà il riconoscimento “Città di Ragusa” all’interno della ventesima edizione del Premio Ragusani nel Mondo.

Quest’anno, su input dell’Amministrazione comunale, sarà infatti assegnato un riconoscimento ad un ragusano (o ad una ragusana) che, pur rimanendo a Ragusa, si è particolarmente impegnato nell’ambito sociale, culturale, economico, sportivo, portando alto il nome della città. Sono in totale dieci i candidati che, dopo la fase di selezione avviata con l’invio di proposte di candidature, hanno accettato di essere sottoposti alla votazione on line che scatta appunto da oggi per concludersi alla mezzanotte del 31 luglio.

I voti riportarti on line costituiranno il 50% del punteggio per l’assegnazione del premio “Città di Ragusa”.
L’altro 50% del punteggio sarà assegnato da una giuria che sarà nominata dal sindaco di Ragusa, Federico Piccitto. La somma dei punteggi permetterà di arrivare al vincitore finale che sarà dunque chiamato a ritirare il premio, al pari dunque degli altri premiati “ragusani nel mondo” che invece operano in altre realtà sparse nei cinque continenti.

I candidati per il premio “Città di Ragusa” sono i cantautori Mirko Marsiglia e Giovanni Leon Dall’O’, la docente Concetta Petrolito, il presidente dell’associazione Youpolis, Simone Digrandi, il regista e attore Gianni Battaglia, lo sportivo e campione mondiale di body building Cristian Guastella, il wedding planner Luca Mililli, l’attore Pasquale Spadola, la direttrice del Coro Mariele Ventre, Giovanna Guastella, il musicista e compositore Peppe Arezzo.
“Abbiamo voluto fortemente dare questa impronta in occasione della ventesima edizione”, spiega il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto: “coinvolgendo la città e offrendo anche a chi è rimasto a Ragusa l’opportunità di ottenere un riconoscimento prestigioso per il proprio quotidiano impegno”.