Emozioni a non finire con RagusaRock ’70

5

Emozioni a non finire. Con le sonorità di un tempo ed i tantissimi ricordi che ieri sera al castello di Donnafugata sono affiorati nel corso di Ragusarock ’70, la manifestazione organizzata da Aldo Migliorisi, inserita nel ricco cartellone di Estate Iblea 2014. Nel corso della serata si sono esibite alcune delle band che hanno fatto la storia musicale della città capoluogo, essendo state a tutti gli effetti delle vere e proprie antesignane dei gruppi musicali dell’epoca, ed è stato presentato il libro di Aldo Migliorisi “Ragusarock ‘70”, dedicato proprio alle band di quei tempi. Più di tre ore di musica ed un grandissimo successo di pubblico, che ha letteralmente assiepato ogni angolo del castello, nelle quali si sono esibiti I Gregoriani, i Watt’69, Gli Incappucciati, I Performance, Benagasi, Tumino e Tuminio, ed i Caruanda Mundi come special guest. Al termine della serata una sorpresa: “Gli Incappucciati”, che all’epoca non erano altro che “I Performance”, sono stati impersonati dai Caruana Mundi. Tanto coinvolgimento da parte degli spettatori, sia gli adulti, molti dei quali amici e parenti dei musicisti, ma anche da parte dei moltissimi giovani, che hanno avuto modo di conoscere una realtà quasi impensabile per le nuove generazioni. Tantissimi, inoltre, anche i turisti che si sono trovati immersi in questa splendida atmosfera. “Il castello ha chiuso intorno alle 3 di notte – commenta l’assessore alla Cultura Stefania Campo – riappropiandosi della sua funzione originaria, ovvero quella di essere un luogo dove si svolgono feste e serate da ballo. Vederlo chiuso come un museo è decisamente contro natura. E’ stata una serata molto coinvolgente, alla quale hanno collaborato tutti i musicisti. Spesso ci ritroviamo a promuovere gli artisti emergenti, mentre con la proposta di Aldo Migliorisi abbiamo riscoperto dei talenti del passato che meritavano di essere conosciuti soprattutto da parte delle nuove generazioni”. Continuano intanto gli appuntamenti inseriti nel cartellone di Estate Iblea. Venerdì, sempre al castello di Donnafugata, è in programma il docufilm di Ignazio Manenti “Neviere”: una proiezione che racconta di come i nobili conservassero la neve nei mesi invernali per avere in estate le granite. Il 9 agosto alle ore 19,30 al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla si terrà invece la presentazione della mostra
Aisthetikòs, un progetto complesso che comprende tre eventi artistici in cui l’arte visiva, pittura materica e scultura, dialoga con la musica. Una sottile narrazione si snoda tra la purezza del linguaggio scultoreo di Pirruccio, la ricerca materica di Greco e la interpretazione musicale di Branciamore sulle note di Evans, orientandosi così il progetto verso i concetti di sintesi, essenzialità e sospensione di una nuova estetica che vede tre artisti esprimersi secondo il proprio stile.
Paolo Greco propone una serie di lavori incentrati sulla ricerca plastica ed esposti negli spazi del Teatro di Donnafugata. L’iniziativa vuole ricordare la persona straordinaria che era il maestro Vincent Pirruccio sabato, al teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, è invece in programma il concerto di Francesco Branciamore con “Omaggio a Bill Evans”. Domenica prossima, al castello, è in programma Amato jazz Trio: documentario e concerto a cura di Extempora.