La pioggia di “sì” avvicina Licodia Eubea al Progetto Ragusa

0
Visita del Sindaco Piccito e del Presidente Iacono al Comune di Licodia Eubea

I cittadini elettori di Licodia Eubea si sono espressi favorevolmente sull’adesione al Libero Consorzio di Ragusa. Questo l’esito del referendum confermativo che ha fatto seguito alla decisione, volta nella stessa direzione, del Consiglio Comunale di Licodia Eubea che, nella seduta del 27 settembre scorso, ha avuto modo di deliberare la piena condivisione del Progetto Ragusa.

La notizia viene diffusa dal Comune di Ragusa che riporta la massima soddisfazione del Sindaco Federico Piccitto e del presidente del Consiglio comunale ibleo Giovanni Iacono.

 “L’esito del referendum mi riempie di orgoglio – ha detto il sindaco Federico Piccitto – e conferma l’intenzione, condivisa ampiamente anche dal primo cittadino di Licodia Eubea, Giovanni Verga e dagli abitanti di Licodia Eubea, di cominciare a lavorare su un’idea strategica di sviluppo dei due territori”.
“Sono molto felice per il Libero consorzio di Ragusa – dichiara il Presidente del Consiglio Comunale di Ragusa Giovanni Iacono – e ringrazio particolarmente i cittadini di Licodia Eubea che con il loro voto hanno risposto, quasi all’unanimità, nel 98% delle risposte con un Si convinto all’adesione a Ragusa. E’ un fatto storico, dopo 90 anni la provincia di Ragusa ha un nuovo Comune e sottolineo che rispetto ai cambiamenti che vi sono stati noi siamo l’unico territorio provinciale a livello regionale che unisce e si rafforza non avendo nessuna scissione di Comuni. Nei giorni scorsi, a conclusione di un impegno costante di questi mesi, ho partecipato a Licodia Eubea con gioia e determinazione ad incontri di campagna elettorale pro adesione. Un lavoro congiunto con in testa il Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Astorino, il massimo consesso di Licodia, che hanno avuto lungimiranza e coraggio e dei Sindaci Giovanni Verga e Federico Piccitto che hanno subito, autorevolmente, sostenuto e condiviso il percorso che ci ha consentito, oggi, di mettere la prima pietra. Adesso dobbiamo insieme con tutti gli altri Comuni avere il pensiero lungo e costruire le migliori strategie per dare opportunità di futuro alle nostre popolazioni. Unico rammarico è per gli altri Comuni limitrofi che pur manifestando la volontà di aderire al Libero consorzio di Ragusa non hanno fatto in tempo a deliberare in Consiglio Comunale”.