Comune di Vittoria, il “caso Dezio” si chiude con la rinuncia all’incarico

4
codacons sulle indagini a Vittoria

Il sindaco, Giuseppe Nicosia, rende noto che l’architetto Rosario Dezio, figlio dell’assessore ai Lavori pubblici, ha rinunciato all’incarico che gli era stato conferito dal Comune.
“Ho appena ricevuto – ha dichiarato il primo cittadino – la rinuncia dell’architetto Dezio all’incarico. Non posso che esprimere il mio apprezzamento per il senso di responsabilità, il rispetto delle istituzioni, il garbo e la delicatezza dimostrati da un professionista al quale avevo già espresso solidarietà per gli ingenerosi attacchi subiti, e al quale ora esprimo i miei sensi di stima professionale e umana. Dal suo atto di rinuncia, con cui mette a disposizione dell’ente il lavoro sin qui svolto, senza pretendere alcun compenso, traspare il dispiacere per essere stato coinvolto in attacchi livorosi che nulla hanno di etico e che sono stati sferrati per colpire il sottoscritto e gli uffici del Comune. Nonostante la giovane età, l’architetto Dezio con il suo gesto ha dimostrato di essere un gigante rispetto ai nani della politica, che hanno cercato, cercano e cercheranno sempre di lucrare posizioni di interesse”.