Ragusa premia le eccellenze in cucina

5

Chef e pasticceri in Aula consiliare per una cerimonia di premiazione che il primo cittadino, Federico Piccitto, ha voluto fortemente.

chef_Aula_12gen15“Credo sia importante esprimere in modo tangibile il nostro ringraziamento verso persone e realtàimprenditoriali che mettono in luce la nostra città”, ha esordito il sindaco stamane a Palazzo dell’Aquila, di fronte ad una insolita platea. “Un gesto che non era mai stato fatto e che viene ospitato nel luogo che in maniera assoluta rappresenta Ragusa”.

“Con questo atto di elogio abbiamo voluto dare il giusto risalto a chi ha legato al proprio successo anche il lancio e la conoscenza del territorio ibleo oltre confine. Ci è sembrato doveroso, quindi, conferire questi riconoscimenti ad eccellenze ragusane che in campo enogastronomico, unitamente ai loro staff, hanno dato lustro alla città, contribuendo alla promozione del nostro territorio in ambito nazionale ed internazionale. “Questo è solo un primo passo” ha sottolineato Piccitto “perché il nostro intendimento è quello di coinvolgere queste eccellenze nelle iniziative che metteremo in campo nella sfida che ci attende con la partecipazione della Città di Ragusa all’Expo 2015“. Significativa in questo senso la presenza dell’assessore con delega al Turismo Stefano Martorana.

Premiati i tre chef stellati ragusani Ciccio Sultano, Vincenzo Candiano, Claudio Ruta, oltre alla pasticceria della famiglia Dipasquale, alla Locanda Don Serafino della famiglia La Rosa, al ristorante La Fenice della famiglia Malandrino.

piccitto_sultano_12gen15

Lo chef Sultano ha consegnato al primo cittadino il proprio libro, come gesto di ringraziamento e di collaborazione con l’istituzione ragusana. Sinergia programmatica che gli chef hanno auspicato possa contribuire a migliorare il settore turistico nel territorio, alla luce proprio dell’Esposizione universale, dal tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, che sarà inaugurata tra pochi mesi a Milano e che prevede l’arrivo in Italia di oltre 20 milioni di persone.