Vittoria: arriva la pagella (brutta) e si inventa un rapimento

7
Immagine di repertorio

Questa storia che arriva da Vittoria può rapidamente scalare la classifica delle scuse più assurde inventate per non dire ai genitori dei brutti voti presi a scuola, o almeno farli passare in secondo piano.

La protagonista è una ragazzina di 14 anni che, nel pomeriggio, ha ritirato la pagella con numeri di cui non andare esattamente fiera e che, per paura di dirlo a mamma e papà, ha pensato bene di sviare l’attenzione chiamando le forze dell’ordine e denunciando di essere stata vittima di un tentativo di sequestro ad opera di tre stranieri.

Al 113 è così giunta una strana chiamata. Dall’altra parte del telefono una ragazzina chiedeva aiuto perché tre rumeni avevano tentato di portarla via. Inutile dirlo, le forze dell’ordine si sono attivate immediatamente per le ricerche, coordinate dalla Procura di Ragusa.

Ma, poco dopo, è emersa la verità: la studentessa si era inventata tutto perché aveva preso una brutta pagella a scuola (frequenta il primo anno delle superiori) e non aveva il coraggio di dirlo alla famiglia. Sarà il Magistrato, adesso, a dover decidere se far scattare qualche provvedimento nei suoi confronti.