A Ragusa, il fotografo Bucciarelli apre la rassegna “The Shape of the The Journey”

12
Gli organizzatori da sinistra: Rosario Occhipinti, Lorenzo Zurla e Mario Dipasquale. Per il cinema Lumière: Marco Iannizzotto.

L’incontro con il fotografo Fabio Bucciarelli apre la rassegna “The Shape of the The Journey”, organizzata Polo Culturale Ulixes con la collaborazione del cinema Lumière di Ragusa.

Ulixes è una realtà culturale creata ad ottobre del 2013 da quattro ragusani: Mario Dipasquale, Loreno Zurla, Rosario Occhipinti e Gianni Antoci. Tutti accomunati dalla professione, geologi e archeologi, dall’amore per la cultura e dall’intento di proporre alla città un itinerario, fatto di “appunti di viaggio in immagini, musica e parole”.

L’evento è stato presentato stamane presso il Cinema Lumière di via Archimede. Si apre con l’incontro di venerdì 27 febbraio alle 21.00 e si prosegue il 6 marzo con Stefano Pilia, uno dei chitarristi attualmente più stimati del panorama musicale italiano.

Terzo appuntamento il 20 marzo con Matteo Caccia, attore ed autore teatrale; l’ultimo il 10 aprile con Mario Spallino che presenterà Stupido Risiko, monologo prodotto da Emergency che esprime una critica sferzante a cent’anni di conflitti dalla Prima Guerra Mondiale ad oggi.

“L’evento”, spiegano gli organizzatori: “trae spunto dal viaggio dell’eroe omerico Ulisse il quale rappresenta, da più di due millenni, l’archetipo non solo di scoperta fisico-geografica di nuovi orizzonti ma anche, e soprattutto, di conoscenza introspettiva del proprio io. La sintesi di tali molteplici esperienze vissute verranno presentate nel corso della prima serata”.

Prima serata interamente dedicata alla fotografia ed ai reportages di ricerca della verità di un’umanità dolente in aree povere e dimenticate del mondo. Bucciarelli nel 2011 in Libia immortala le fasi del conflitto civile fino alla morte del raìs Gheddafi. I suoi lavori sono stati pubblicati nelle più prestigiose testate giornalistiche internazionali tra cui Le Monde, Stern, The New York Times. Dal settembre 2012 testimonia la tragedia del popolo siriano.

Nel 2013 il progetto “The Battle to Death” viene premiato con la Robert Capa Gold Medal assegnata annualmente al miglior reportage fotografico contraddistinto da eccezionali doti di coraggio e intraprendenza. Bucciarelli è stato inoltre vincitore di ulteriori prestigiosi riconoscimenti come il World Press Photo, il Picture of the Year International (POYi) ed il Sony Award. Da alcuni mesi è tra i fondatori del progetto multimediale ME-MO, magazine interattivo, che assieme ad altri fotoreporter di prestigio internazionale consentirà di far conoscere guerre e situazioni umanitarie altrimenti dimenticate.

Per ogni evento è previsto un biglietto dal costo di 12 euro.