La sfida dell’acqua a Modica. Castello: “Il depuratore è guasto”. Abbate: “Pompa riparata”

0
Palazzo San Domenico, a Modica, uno dei comuni che non ha ancora approvato il bilancio di previsione

Un’interrogazione urgente del consigliere comunale del Pd Ivana Castello sui problemi nel funzionamento del depuratore di contrada Fiumara è stata uno degli argomenti principali della seduta di lunedì 16 del Consiglio comunale interamente dedicata al question time.

Castello ha proiettato in aula un video per dimostrare la presenza di sversamenti nel torrente tramite un bypass. “Il sindaco in passato ha avuto modo di spiegare” ha detto Castello: “che il depuratore di contrada Fiumara è uno dei migliori e non funziona soltanto quando riceve, oltre alle acque fognarie, le acque di piogge abbondanti. Ma domenica, che era una bella giornata, si sversavano acque di fogna per nulla depurate. Molto spesso si sversano acque non depurate e questo vuol dire che il depuratore non funziona. O forse ritiene il sindaco che gli abitanti di contrada Fiumara siano tutti bugiardi e non si accorgono se il depuratore funziona o non funziona?”.

“Ho fatto dei sopralluoghi con l’Arpa sabato 14″ ha replicato Abbate: “e ieri si è rotta la pompa del depuratore che è stata subito riparata. Si è rotta la pompa perché si è intasata con materiale improprio e quindi si è dovuto rifare il bypass al fine di non determinare lo sversamento dei fanghi nel torrente. Ciò è successo dalle 08.15 sino alle 12.15 ma subito dopo la situazione si è normalizzata. A Modica purtroppo c’è una sovrapposizione tra acque nere e acque bianche e le piogge torrenziali peggiorano le situazione. Si è dovuto fare ricorso nell’ultimo mese al bypass, necessario ed essenziale in caso di piogge così. Detto questo, non si possono mettere in giro cose non vere soprattutto quando non c’è uno sversamento”.

Il consigliere Castello, non soddisfatta della risposta del sindaco, ha aggiunto: “Una nota del Dipartimento delle acque della Regione siciliana precisa che il processo depurativo può essere sospeso solo per casi di emergenza: piogge copiose non possono considerarsi eventi eccezionali o imprevedibili e invece per questo Comune sversare, che è un reato, è una procedura continua”. “Il suo partito” ha replicato a quel punto stizzito Abbate: “ha governato per quindici anni negli ultimi ventidue. Nessun intervento è stato fatto dal PD quando era al governo della città o quando il consigliere Castello quando era assessore alla provincia e c’erano ampie possibilità di accedere a finanziamenti”.

Oltre a questa, sono state discusse anche le interrogazioni del consigliere Giovanni Scucces sullo stato di avanzamento dei lavori a Palazzo Moncada e quindi sui tempi di riapertura della biblioteca comunale, e del consigliere Tato Cavallino in merito agli interventi di completamento lavori delle scuole “De Amicis” e “Raffaele Poidomani”.

[ Fonte: La Sicilia ]