Francesco Frasca Polara è il nuovo presidente del Consorzio degli operatori turistici di Modica

7

Francesco Frasca Polara è stato eletto ieri sera dal CdA del Consorzio, all’unanimità dei presenti (sette consiglieri su nove). Succede a Renato Nuccio, che aveva dato le dimissioni dalla carica il 10 aprile scorso.

Il cda del consorzio ha anche ridistribuito le cariche in seno all’organismo che da oggi così si compone: vice presidente Renato Nuccio; segretario, al posto di Francesco Frasca Polara, è stato designato Paolo Failla.

Queste le prime dichiarazioni del neo presidente:

Intendo ringraziare per la fiducia e per il sostegno i componenti del CdA con i quali voglio avere una collaborazione continua sulle tante cose che abbiamo da fare. 
Il mio pensiero va al presidente uscente, Nuccio, per l’opera svolta e che sarà ancora accanto a noi pronto per fornire saperi ed esperienza. È mia intenzione convocare un’assemblea dell’organismo perché il dato delle partecipazione alle soluzioni condivise, in modo chiaro e trasparente, deve essere il nostro riferimento ineludibile.
Il Consorzio è aperto a tutti gli operatori, senza distinzione o preclusione alcuna, perché è mia precisa intenzione allargare la platea degli operatori su un progetto di sviluppo sostenibile dei servizi turistici alla città.

A stretto giro di posta (elettronica) sono poi giunte anche le dichiarazioni del sindaco Abbate in merito all’elezione di Frasca Polara al vertice del Consorzio Turistico di Modica. Eccole:

Ho avuto modo di esternare il mio compiacimento e i miei auguri al neo presidente del Consorzio degli operatori turistici della Città, Francesco Frasca Polara. Un giovane già inserito e operativo nel cda che sono certo farà valere le sue capacità e il suo entusiasmo nel governare un organismo importante per il rilancio e il consolidamento turistico di Modica.
Ringrazio sentitamente il presidente uscente, dr. Renato Nuccio, per l’opera svolta e per i problemi che ha affrontato, molti non facili, nel corso della sua gestione e come promessomi è rimasto a collaborare, con la sua non indifferente esperienza, il lavoro che spetta al nuovo presidente.
Bisogna ripartire con slancio nell’attività dell’organismo con un obiettivo a breve che è Expo Milano 2015 in cui la presenza del Consorzio è funzionale ai traguardi che ci siamo dati come città e poi quello di allargare, quanto più possibile, la base con la partecipazione di quanti oggi non fanno parte dell’organismo.