Tutti pazzi per le due ruote. Apre a Modica il primo Bike cafè della provincia

7
Modica, apre un bike cafè

L’amore per la bici si diffonde quasi come un ‘contagio’, con i suoi immancabili risvolti positivi in termini di rispetto dell’ambiente e di salute.

E allora perché non creare spazi di incontro per gli amanti delle due ruote? E’ l’idea che ha spinto Andrea Giannì, bikers e presidente della Mtb Modica Triathlon bike, ad aprire il primo Bike cafè della provincia di Ragusa.

Bici alle pareti, attrezzi del mestiere, un percorso che richiama alla mente una pista ciclabile: così vedranno il locale (in contrada Gisirella, lungo la statale 115, al km 335, a Modica) quanti vi si recheranno a partire da giovedì, alle 18.

“L’idea – racconta Andrea Giannì – è nata principalmente dalla passione per la bici. Nonostante il momento di crisi che stiamo vivendo, dove molti hanno paura di investire in attività commerciali, io ho deciso di unire la passione al lavoro”.

Bike cafè, il primo quindi nel territorio ibleo, rappresenta un modo innovativo per vivere la passione della bicicletta: da un lato, infatti, si prefigura come punto di ritrovo per gli amanti delle bike (e non), dall’altro offre numerosi servizi inerenti al ciclismo.

Oltre a una ciclofficina specializzata, infatti, il nuovo locale offrirà servizio a domicilio, per riparazioni o lavaggio, servizio di bike garage, magazine area e bike park. Sarà inoltre possibile noleggiare bici ma anche organizzare percorsi di cicloturismo, con accompagnatore, in tutta la provincia.

“Per Bike cafè – aggiunge Andrea Giannì – è anche un modo per ripensare il tempo, la convivialità e la qualità delle relazioni sociali. È un posto in cui stare senza l’ansia della consumazione, dove ciascuno è libero di passare del tempo, tra gli attrezzi del mestiere e un buon caffè.

Realizzeremo anche dei workshop nei prossimi mesi, dei tutorial dove imparare come si ripara una ruota, come si sostituisce una camera d’aria, delle occasioni dove condividere informazioni sul mondo delle bike”.

La sede scelta non è casuale: sulla statale 115, subito dopo il ponte Guerrieri in direzione di Ragusa, si tratta di un luogo di passaggio per tutti i bikers che, giornalmente, si spostano da e verso Modica.