‘Quelli del circolo’: il teatro, nato quasi per gioco, diventa emozione

50

Immaginate un gruppo di esilaranti amici, uniti da una passione tanto antica quanto nobile: il teatro.
Nasce così la Compagnia teatrale amatoriale “Quelli del circolo”.

Abbiamo parlato con la regista della compagnia, Marcella Iurato.

Partiamo dal principio, una grande passione e poi?

La nostra è una compagnia che possiamo definire ereditata dal Circolo velico di Kaukana, da qui infatti il nome. Facevamo parte di quel circolo, ma avevamo tutti in comune questa passione e allora quasi per gioco, come credo spesso accade, ci siamo buttati in questa avventura.

Un gioco che si è trasformato però in una realtà conosciuta e apprezzata

Possiamo dire di sì. Abbiamo iniziato sotto l’ala protettrice di Maurizio Nicastro, portando in scena le sue opere. Poi le nostre strade hanno preso percorsi diversi, semplicemente per impegni differenti e allora abbiamo voluto sperimentare, provare nuovi copioni e nuove opere. Ad esempio abbiamo portato in scena prima uno scrittore ragusano, Sergio Scribano  e adesso stiamo proponendo nei teatri un classico come Fiat Voluntas Dei di Giuseppe Macrì. Abbiamo il desiderio di lanciarci in rappresentazioni nuove anche di scrittori poco conosciuti.

Anche in una compagnia amatoriale come la vostra, c’è comunque bisogno di studio e prove.

Noi ci riuniamo circa due volte a settimana, intensificando le prove durante i periodi in cui sono programmati degli spettacoli. Siamo circa 15 gli attori e ognuno di noi, oltre a recitare, in base alle proprie attitudine, si occupa di tutto ciò che fa parte del mondo del teatro. Come realizzare la scenografia, i travestimenti, i costumi, insomma tutto il necessario per calarci al meglio nella parte che stiamo recitando e per rendere le nostre performance credibili, appassionanti e coinvolgenti.

Quando e dove possiamo assistere a una vostra rappresentazione?

Il prossimo fine settimana, l’1 e il 2 aprile saremo alla sala teatro Accademia della Bellezza con Fiat Voluntas Dei. Un classico che tratta con divertimento e leggerezza temi mai superati come L’apparenza che tende a prevalere sull’essenza, la ricchezza che ha spesso la meglio sui sentimenti.