Votavota fa il bis. Il nuovo ristorante apre a Marina di Ragusa, in aggiunta a Sampieri

50
Foto di Marcello Bocchieri

La cucina al centro di tutto!

Il concept, già attuato lo scorso anno a Sampieri, trova la sua ulteriore conferma, anche sotto un profilo progettuale nella nuova avventura a Marina di Ragusa firmata dagli chef Giuseppe Causarano e Antonio Colombo.

L’idea Votavota si rafforza e fa il bis!

Il temporary fish restaurant rimane a Sampieri con la presenza anche dello chef Stefano Alfano.

A Marina di Ragusa c’è Votavota, nel centralissimo lungomare Andrea Doria al civico 48, in una versione innovativa e decisamente a lungo termine. Il luogo scelto è senza dubbio storico e soprattutto ricco di ricordi e momenti trascorsi insieme da centinaia di famiglie della provincia di Ragusa, sin dagli anni ‘60.

Votavota sorge nell’antica sede dello storico ristorante ‘Alberto il mago del pesce’ che ha chiuso i battenti qualche anno fa, dopo ben oltre mezzo secolo di cucina a base di pesce.

La prima volta che abbiamo visto questo posto – hanno spiegato gli chef Giuseppe Causarano e Antonio Colombo – ne abbiamo subìto il fascino. Una terrazza a pochi metri dal mare. Un luogo dove potersi lasciare cullare dai colori del Mediterraneo e della sabbia che si estende lungo la costa di Marina di Ragusa. Un ristorante in cui innestare la nostra idea di cucina che ha avuto già tanti consensi lo scorso anno e prosegue quest’anno a Sampieri. Al Votavota a Marina di Ragusa la cucina ha un assetto centralissimo all’interno della sala, anche in termini logistici. Una cucina a vista dove poter essere un tutt’uno con i nostri ospiti con cui avremo un rapporto diretto. Tutto a vista sia all’interno della sala che dall’esterno. Sul prospetto soltanto vetrate per consentire a noi e ai nostri ospiti una visione a tutto campo del panorama, e a chi è all’esterno il nostro biglietto da visita: i nostri piatti”.

Una cucina totalmente a vista, il primo ‘esperimento’ di tal genere che c’è su scala regionale.

Tante le novità che questa nuova formula del Votavota offre. Innanzitutto è un ristorante aperto tutto l’anno, ha un menu essenzialmente a base di pesce (rigorosamente pescato del giorno), ed anche due tipologie di menu degustazione: uno di pesce e l’altro rigorosamente a base di carni e verdure locali. Inoltre all’interno della cucina a vista è stata creata una postazione esclusivamente riservata alla pasticceria firmata dallo chef pasticcere Antonio Colombo. “A Marina di Ragusa – spiega Colombo – la pasticceria ha un luogo tutto suo dove poter essere protagonista. Per l’occasione ho creato una carta dei dolci con tante novità, anche per chi vorrà accomodarsi soltanto per degustare un dessert e godere dell’incanto di questo luogo. Ci piace l’idea di poter offrire a ciascuno una piccola parentesi dolce a qualunque ora del giorno, a conclusione di un pasto con più portate, o semplicemente per godersi un momento nel corso del pomeriggio o a tarda serata. Insomma la pasticceria sarà protagonista”.

Abbiamo sposato l’idea – hanno proseguito Giuseppe Causarano e Antonio Colombo – di far diventare questo ristorante il tempio della nostra cucina dove, grazie agli spazi a disposizione, poterci divertire e invitare ciascuno dei nostri ospiti a giocare con noi in percorsi di degustazione che, come sempre, strizzano l’occhio a nuove visioni, senza perdere mai di vista la tradizione, anche per onorare questo luogo, storico ristorante di pesce sin dagli anni ’60”.

A condividere il progetto e salire a bordo del team Votavota a Marina di Ragusa, è Valerio Capriotti, tra i più sagaci e preparati sommelier su scala nazionale e vero interprete della sala a cui non manca di conferire identità e gusto. Un valore aggiunto che conferma la valenza dell’offerta che gli chef Causarano e Colombo hanno già in programma.

Valerio Capriotti, grazie alla consolidata esperienza maturata – hanno chiosato gli chef – vi prenderà per mano per un viaggio nel gusto che diventerà irrinunciabile”.

Per non farsi mancare nulla, il Votavota ospita anche una mostra permanente intitolata ‘Ho sognato il mare’ a cura di Maurizio Armellin, la cui introduzione critica è stata firmata da Stefano Pillon che scrive (di seguito riportando uno stralcio della presentazione): “È un mare che certamente l’artista ha visto, ascoltato e respirato, forse nuotato, forse bevuto, ma che ora – nel rievocarlo – fedele al suo modus operandi, egli compendia e distanzia in una griglia di fettucce e riquadri di kleeiana ascedenza…”.

Votavota a Marina di Ragusa è la sintesi delle visioni di Causarano e Colombo che hanno avuto già, e proseguono in questa scia, terreno fertile a Sampieri, e che adesso diventa cuore e sostanza di una cucina rievocativa e originale in un luogo che riassume la storia marinara del litorale ibleo.