Il nostro ‘saluto’ a Free Time, guardando al futuro

1235

Da oggi il bimestrale Freetime Magazine non fa più parte del gruppo editoriale Pressh24, che negli ultimi tre anni ne ha firmato la direzione editoriale e giornalistica. Una scelta maturata all’interno del gruppo che rappresento, immaginando altri progetti editoriali che nel volgere di poco tempo vedranno la luce.

Personalmente, dieci anni fa, è iniziato il mio percorso all’interno di Freetime, curandone tutto l’aspetto giornalistico. Una bellissima esperienza che mi ha consentito, in questi anni, di conoscere tantissime e bellissime persone, riuscendo a raccontare la nostra Sicilia attraverso gli occhi attenti e generosi di uomini, donne e aziende di altissimo valore soprattutto umano. In questo mio viaggio di lavoro, ma soprattutto di cuore, ho avuto a fianco tantissimi colleghi e immensi amici che hanno condiviso quello che era il mio sogno nel cassetto, finalmente realizzato.
Nei primi sette anni ho curato tutta la parte giornalistica, negli ultimi tre ho anche aggiunto la direzione editoriale con Pressh24, insieme alle mie socie Roberta Gariddi e Annalisa Giummarra, con cui adesso si ha altro in mente da realizzare.
Questi anni sono stati di crescita professionale, ma soprattutto umana grazie alla grandezza d’animo di quanti hanno aperto le porte di casa loro e della loro vita per raccontarsi dinnanzi a giornalisti attenti e fotografi di spessore.
Ma è consapevole mettere sempre in conto che seppur belle e gratificanti, le esperienze professionali possano chiudersi per consentire a ciascuno di noi di far spazio e far entrare altro che possa portare quella ventata di gioia, entusiasmo, passione e forse anche un po’ di irriducibile azzardo che alimenta la mente e lo spirito.
Il mio è un arrivederci scandito dalla gratitudine ad un progetto editoriale che è riuscito a radicarsi sul territorio, divenendone interprete e in tanti casi cassa di risonanza.
Sono tantissime le persone da ringraziare per averci creduto sin dalla prima ora o in successive fasi, mettendoci tutta la professionalità di cui disponevano, tutta l’amicizia che è stato il grande comune denominatore, ed ancora mettendoci la passione, la stessa che ho avuto io in questi dieci anni di lavoro e sacrifici… anche questi fanno parte del gioco.
I ringraziamenti che seguiranno sono nei confronti di grandi amici, prima che colleghi, che hanno messo tutto quello che potevano per aiutarmi a realizzare il mio sogno, arricchendolo di tutta la loro competenza e disponibilità.
Ringrazio, innanzitutto Salvo Falcone, Concetta Bonini, Roberta Trovato, Davide Bocchieri ed  Enzo Scarso. Ringrazio per le pillole di saggezza regalate e per non essersi mai sottratti dall’essere grandi direttori e maestri Salvatore Cannata e Leonardo Lodato. Grazie a tutti i giornalisti che hanno arricchito il progetto mettendomi a disposizione idee, proposte e il loro tempo: Giuseppe Ragona, Valentina Frasca, Mariacarmela Torchi, Silvia Crepaldi, Laura Curella, Laura Incremona; i fotografi Marcello Bocchieri, Angelo Giglio, Santino Galazzo, Giuseppe Giordano, Giulio Bellomia, Flavio Gurrieri, Francesco Lucifora e Federica Vero.
Grazie alla professionalità di chi ha firmato la grafica, Saro Iemmolo.
Un grazie di cuore ai ‘miei ragazzi’ che con generosità e grande attenzione hanno seguito tutto quanto abbiamo fatto insieme: Alessia Metastasio, Andrea Nero e Alessandra Alderisi, e la collaborazione di Carola Caruso ed Emanuele Fidone.
E poi i tantissimi partner che in questi anni hanno creduto in noi, nel nostro lavoro e nella validità di questo prodotto editoriale per raccontare le rispettive aziende e mission professionali.
Ognuno di voi ha reso grande ed importante il progetto.
Oggi Pressh24 sta lavorando ad un nuovo imponente ingresso. Un ricco inizio che racconterà una Sicilia sempre più proiettata ad offrire una nuova versione di sé, senza mai dimenticare le radici che sono l’humus della vita di ciascuno di noi.
A breve, dunque, un nuovo prodotto editoriale starà accanto a Ragusah24, fiore all’occhiello giornaliero del nostro modo di intendere l’informazione e la comunicazione, condivisa con il vicedirettore Davide Bocchieri, mai sopra le righe, sempre attenta alle fonti, alle notizie, al rispetto dell’uomo e dei fatti, credendo fermamente che ogni giornalista debba prima di tutto restare un essere umano che parla di propri simili, e lo deve fare con tatto, attenzione, ricercatezza e verità!

Grazie

Sabrina Gariddi