Finanza, intensificati i controlli all’imbarco del catamarano per Malta

227
guardia di finanza

Nell’ambito del dispositivo di controllo sui traffici illeciti messo in atto sul territorio dalla Guardia di Finanza, il Comando Provinciale di Ragusa, nell’ultimo mese, ha disposto una intensificazione dei servizi di vigilanza sui transiti in entrata ed in uscita tra Italia e Malta al Porto di Pozzallo.

Sono stati quindi operati numerosi controlli che hanno interessato sia il traffico veicolare sia i soggetti che hanno viaggiato senza auto al seguito, selezionati sulla base delle analisi di rischio effettuate sulle liste passeggeri.

Le attività delle Fiamme Gialle pozzallesi, anche con l’ausilio delle unità cinofile del Corpo, hanno portato nei giorni scorsi all’arresto in flagranza di reato di un ragazzo modicano, , classe 91, il quale a seguito del controllo è stato trovato in possesso di oltre 3 kg di marijuana, ben occultati all’interno del proprio bagaglio. Il giovane, incensurato, è stato associato su disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la casa circondariale di Ragusa, dove dovrà rispondere di detenzione di sostanze psicotrope ai fini di spaccio.

Nello stesso periodo è stata individuata coinvolta una donna maltese che stava tentando di trasportare verso Malta delle valige cariche di capi d’abbigliamento contraffatti. In totale sono stati sequestrati circa 50 pezzi tra borse e scarpe abilmente contraffatte, che, probabilmente, sarebbero state vendute come originali ai medesimi prezzi offerti dalle case madri presso insospettabili punti vendita dell’Isola.

I controlli operati non hanno risparmiato neppure coloro che hanno tentato di trasportare valuta non dichiarata verso Malta. Infatti sono stati intercettati circa 12.000,00 euro in partenza verso l’Isola dei Cavalieri.

Quello delle movimentazioni di valuta contante al seguito dei viaggiatori da e verso l’estero è un comparto sul quale costante è l’attenzione della Guardia di Finanza, attesa la possibile stretta correlazione con fatti di evasione fiscale o altri fenomeni criminali di varia natura, primi fra tutti il riciclaggio di denaro sporco.

In questo settore, nel solo anno 2018, i Finanzieri della Tenenza di Pozzallo, anche in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e Monopoli, hanno individuato operazioni sospette per un valore di oltre 170.000,00 euro, di cui 50.000,00 sottoposti a sequestro.