Due ‘colpi’ in gioielleria. Arrestate tre persone a Ragusa

1407
Immagine di repertorio

Tre ordinanze di custodia cautelare per furto aggravato a carico di due uomini e una donna, tutti con precedenti, sono state eseguite sabato mattina.

I tre sono accusati di aver messo a segno due furti in una gioielleria. 

I tre sarebbero stati incastrati dalle immagine delle telecamere dell’impianto di videosorveglianza della gioielleria.

Il bottino, di oltre 6.000 euro, è il frutto di più “visite” alla gioielleria. La coppia distraeva il gioielliere ed il terzo si impossessava dei monili.

Arrestati Pietro Daraia, Salvatore Laurendino e Lucia Pancari. I primi due con precedenti, la donna è invece incensurata.

Daraia è in carcere, Pancari e Laurendino ai domiciliari.

Le indagini hanno avuto inizio nel periodo di Natale 2018 in quanto i tre avevano fatto più volte visita alla gioielleria con la scusa di acquistare dei monili in oro come regalo.

I tre, tutti residenti a Ragusa, dopo aver conquistato la fiducia del titolare di una gioielleria del centro storico di Ragusa, fingendosi clienti abituali, hanno messo in atto il piano escogitato anzitempo.

Uno degli uomini con la donna si fingevano interessati all’acquisto di alcuni oggetti in oro ma per poter scegliere bene chiedevano di mostrar loro diversa merce. Mentre la donna provava alcuni oggetti in oro, uno dei complici distraeva il titolare chiedendo i prezzi e qualità, il terzo nel contempo infilava nelle tasche con destrezza gli oggetti poco prima indossati per prova dalla complice.

I tre, credendosi furbi, dopo aver trafugato diversi oggetti in oro, decidevano di acquistarne uno di modico valore così da non insospettire il titolare.

Una volta usciti dalla gioielleria, si dileguavano dopo pochi istanti, ma il titolare rimettendo al loro posto i monili poco prima mostrati ai ladri, si accorgeva che qualcosa mancava pertanto avvisava subito le forze dell’ordine.

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha accolto la richiesta di applicazione della misura cautelare che la Procura della Repubblica iblea ha formulato.

Due indagati sono stati arrestati subito. Un terzo ha tentato di sottrarsi alla cattura, nascondendosi in un ammezzato di casa. Ma è stato fermato e tratto in arresto.