La Bapr incontra le associazioni dei consumatori

353

Il 23 aprile, il Presidente del Consiglio di Amministrazione e la Direzione Generale della Banca Agricola Popolare di Ragusa hanno incontrato i rappresentanti delle seguenti Associazioni di Consumatori: Adiconsum, Adoc, Adusbef, Codacons,  Confconsumatori e Federconsumatori.

Ecco la nota della Bapr:

L’incontro, con all’ordine del giorno i seguenti punti: presentazione della situazione aziendale; illustrazione delle iniziative avviate dalla Banca per fronteggiare l’illiquidità degli scambi di azioni della Banca sul segmento Order Driven del mercato HI‐MTF ed a supporto delle fasce disagiate di azionisti della Banca si è svolto in un clima di collaborazione e di costruttivo dialogo tra i convenuti. E’ stata illustrata la bozza di bilancio che il Consiglio di Amministrazione sottoporrà all’approvazione dell’Assemblea dei soci, da cui emerge una situazione reddituale, di liquidità e patrimoniale di assoluta sicurezza. I rappresentanti della Banca hanno dettagliatamente illustrato il percorso intrapreso al fine di proporre all’approvazione dell’Assemblea dei soci e alle Autorità di Vigilanza lo svolgimento dell’attività di liquidity providing da parte di un intermediario terzo sul titolo azionario “Banca Agricola Popolare di Ragusa” negoziato su HI‐MTF. In merito al Fondo di Solidarietà per gli azionisti che versino in particolari situazioni di bisogno, sono state informate le Associazioni sull’intento della Banca di revisionare il Regolamento di accesso al Fondo suddetto ‐ la cui nuova versione è già al vaglio delle Autorità di Vigilanza ‐ al fine di renderne più ampio il perimetro. E’ stato poi condiviso da parte di tutti i partecipanti la calendarizzazione di un nuovo incontro di aggiornamento sulle iniziative a sostegno delle esigenze della base sociale.

“Nel percorso di costruttivo confronto con i singoli soci e le Associazioni dei consumatori che li rappresentano oggi è stato compiuto un passo importante, di riconoscimento dei reciproci ruoli, che non mancherà certamente di offrire un contributo alla ricerca di idonee soluzioni ai disagi causati dalla contingente illiquidità del nostro titolo azionario. Ringrazio le Associazioni dei consumatori con cui, ne sono certo, il confronto continuerà, nell’ottica di una fattiva collaborazione e nel riconoscimento del ruolo di motore dell’economia locale che la Banca Agricola Popolare di Ragusa ha avuto e vuole continuare ad avere nei territori di insediamento”,  ha dichiarato al termine dell’incontro il Presidente della Banca Dott. Arturo Schininà.