La band Baciamolemani omaggia Donatella Rettore. Ecco il singolo

220

È tempo di uscite discografiche estive e i Baciamolemani, nota band ragusana ha deciso quest’anno di rendere omaggio a Donatella Rettore, reinterpretandone la hit degli anni ’80 “Donatella”. La canzone è frutto di una collaborazione tra il gruppo, il Buddy Sound Studio di Antonio Spina dove è avvenuta la registrazione e la Bald Bear Production che ne ha prodotto un video reportage dal vivo in studio.

“È stato divertente e adrenalinico registrare questa canzone tutti insieme in presa diretta, senza artifici o sovraincisioni, proprio come si faceva una volta” afferma la band ragusana.

“Non c’era modo migliore per esprimere l’energia che continua ad accompagnarci da 13 anni sui palchi di mezza Europa. Per farlo – conclude – abbiamo scelto di fare un tributo ad un personaggio istrionico come la Rettore e di tornare anche al nostro primo amore musicale: lo ska”.

Non è mancato l’apprezzamento della stessa Rettore che ha ripubblicato il video nei suoi profili social, meravigliandosi di “sentire dei musicisti così bravi divertirsi e pestare come le iene”.

Appena rientrati da Madrid dove sono stati protagonisti dell’evento “Passione Italia” insieme ad Umberto Tozzi, i ragazzi dei Baciamolemani sono adesso pronti a partire per il  tour estivo, che verrà svelato nei prossimi giorni e che toccherà l’Italia e ancora una volta la Spagna.

Nel frattempo, la loro versione di “Donatella” sarà distribuita a partire dal 20 giugno in tutte le piattaforme digitali come Spotify, iTunes e Amazon. L’artwork è stato realizzato dall’illustratrice siculo-statunitense Carla Dipasquale.

Baciamolemani sono una tropical band nata e residente a Ragusa. Nei loro 13 anni di attività hanno realizzato 3 album e hanno effettuato oltre 400 concerti a cavallo tra 5 diversi paesi europei (Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Regno Unito), attraverso uno show che abbraccia svariati generi musicali: dal calypso al surf, dal rock alla rumba, dall’elettronica a racconti di stampo cantautoriale. Un melting pot di stili per un’estate ambulante. Una continua evoluzione musicale sempre fedele alla melodia italiana e al teatro canzone.