Gli urlano “Frocio di m…”, poi gli spaccano il naso. La solidarietà di Arcigay

4382

“Ci siamo messi in contatto con il diretto interessato. Il ragazzo domani mattina subirà un intervento, successivamente nel pomeriggio incontrerà i dirigenti di Arcigay Ragusa per parlare dei fatti accaduti e decidere insieme al ragazzo ed alla sua famiglia le azioni legali da intraprendere. Al momento esprimiamo massima solidarietà e vicinanza al ragazzo e ai suoi familiari ,di sicuro molto scossa per quanto accaduto”. Lo dichiara il presidente di Arcigay Ragusa, Cristian Calvario, commentano l’aggressione a sfondo omofobo avvenuta ieri a Pozzallo.

Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Agi, il giovane, 28 anni, sarebbe stato apostrofato con frasi pesanti, “Frocio di merda”, da un gruppo di ragazzi mentre si trovava in un bar. Un episodio che si sarebbe ripetuto nel tempo. Il 28enne non ha reagito, chiedendo solo di lasciarlo in pace.

Poco dopo, in un altro locale, il giovane sarebbe stato raggiunto da un gruppo di adulti, alcuni imparentati con quei ragazzini che lo avevano insultato poco prima. È scattata l’aggressione talmente violenta da lasciare il giovane a terra, riporta l’Agi.

Il giovane è stato aiutato da altri avventori e riaccompagnato a casa. La madre lo ha poi accompagnato al Pronto soccorso di Modica: il ventottenne ha il setto nasale rotto ed altri traumi.

È stata presentata, questa mattina, denuncia ai carabinieri.