Coronavirus, caposala di Modica indagata per epidemia colposa

6012

Una caposala, infermiera all’ospedale di Modica, è stata iscritta nel registro degli indagati con l’accusa di epidemia colposa.

Lo ha stabilito la Procura di Ragusa in seguito alla notizia venuta fuori qualche giorno fa.

Il 19 marzo l’Asp, dopo che era venuta a conoscenza che la donna era risultata positiva al tampone per il Coronavirus, aveva deciso la chiusura del Laboratorio analisi del ‘Maggiore’. Una chiusura per breve tempo, poi la riapertura dopo i necessari interventi di sanificazione.

L’indagine servirà per appurare se la donna avesse avuto sintomi che potevano in qualche modo metterla in allarme quando ancora era in servizio.

Dai tamponi, è emerso che non c’erano altri soggetti positivi tra quelli impegnati nel laboratorio analisi.