Sit-in di solidarietà con il popolo palestinese

137

Sabato 15 maggio, alle ore 18 in piazza S. Giovanni, a Ragusa, si svolgerà un sit-in in solidarietà con il popolo palestinese.

La gravissima situazione venutasi a creare a Gerusalemme Est e nella striscia di Gaza ha portato allo scoperto per l’ennesima volta l’irrisolta questione palestinese: un popolo il cui diritto ad avere una terra e una propria amministrazione, viene negato dallo Stato di Israele, supportato e armato dalle grandi potenze occidentali. I diritti dei palestinesi vengono continuamente violati; i loro territori colonizzati e occupati militarmente da Israele con la complicità di USA, Unione Europea e di una ONU impotente.

Con l’ultima provocazione imbastita da Netanyahu – l’esproprio di alloggi di proprietà di famiglie palestinesi per completare l’annessione di Gerusalemme Est – è scattata una trappola funzionale alla politica interna del capo del governo, in questo momento in forte crisi e bisognoso di raccogliere attorno ad una guerra il consenso dei partiti necessario formare il nuovo governo.

Il popolo palestinese sta combattendo per la propria libertà con la dignità di sempre; le pietre contro i mitra e i carri armati. I bombardamenti della città di Gaza e la probabile invasione dell’esercito del territorio palestinese, stanno mietendo decine e decine di vittime, in gran parte civili e distruggendo interni quartieri.

Hamas, che governa la striscia di Gaza grazie ad un clima di guerra perenne, cerca di sfruttare l’occasione per accrescere i suoi consensi dovuti in gran parte a disperazione e al fatto che non si intravede una via d’uscita ad una situazione che si protrae da 80 anni.

80 anni in cui il genocidio della popolazione palestinese è andato avanti, ed ora lo Stato sionista è deciso a compierlo fino in fondo.

Contro ogni guerra e ogni opzione militarista, noi che lottiamo per liberare la Sicilia dall’occupazione militare americana e della NATO, ci sentiamo vicini e solidali con la lotta del popolo palestinese per la dignità, l’autodeterminazione, la libertà.

L’iniziativa è promossa da Comitato No Muos e Gruppo anarchico di Ragusa.