Giovane tunisino ubriaco aggredisce i clienti di un bar, arrestato

1

Un giovane tunisino, nato e cresciuto a Modica, è stato denunciato dagli uomini del commissariato di Via Cornelia per ubriachezza molesta, ingiurie e resistenza a pubblico ufficiale. Lo scorso fine settimana il giovane, in evidente stato di alterazione alcoolica, aveva cominciato ad infastidire pesantemente i clienti di un bar del centro storico. Il titolare dell’esercizio commerciale ha così chiamato la polizia. Una volta sul posto gli agenti avevano il loro bel da fare per riportare alla calma il tunisino il quale inveiva contro di loro frasi ingiuriose e altamente offensive. Ai poliziotti non è rimasto altro da fare che portarlo in commissariato per identificarlo e cercare di farlo ragionare. Quando sembrava che fosse ritornato in se è stato rilasciato. Invece di tornare a casa però il giovane è ritornato nello stesso bar dopo aver bevuto altre due bottiglie di birra ed ha cominciato nuovamente ad infastidire i clienti oltre che ad insultare lo stesso proprietario. Una nuova telefonata alla polizia che si vede costretta a ritornare ma questa volta gli agenti lo portano via non per consigliarlo ma per denunciarlo con i tre capi d’accusa di cui vi abbiamo riferito.

Ed intanto continuano le indagini per far luce sui due episodi di criminalità più rilevanti di questo inizio anno nel territorio di Modica: il furto al supermercato Conad di Modica Alta e il furto di cavi di rame della ditta Belluardo. Nel primo episodio, avvenuto lo scorso 20 gennaio e fruttato ai ladri un bottino di 20 mila euro, le indagini degli inquirenti si stanno concentrando sulla pista etnea. Sarebbero infatti catanesi i malviventi che con il volto travisato e i guanti hanno visitato il punto Conad Belvedere portandosi via contanti, tabacchi e valori bollati. Gli inquirenti li ritengono già schedati. Nel secondo caso, il rame rubato all’opificio Belluardo, il valore della refurtiva supera i 50 mila euro. I ladri sarebbero di origine rumena e avrebbero le ore contate in quanto la polizia già da qualche settimana è sulle loro tracce.