Il sindaco Nicosia presenta la nuova Giunta di Vittoria: 5 volti nuovi e una riconferma

50
I nuovi assessori della Giunta di Vittoria. Da sx: Cannizzo, Cavallo, Cilia, il sindaco Nicosia, Pisani, Di Modica, Bonetta

Hanno, finalmente, un volto e un nome i nuovi assessori della Giunta di Vittoria. Sono venuti fuori al termine di una conferenza stampa contrassegnata, fino all’ultimo, dal mistero e durante la quale il sindaco, Giuseppe Nicosia, ha dapprima analizzato la situazione politica attuale e poi ringraziato ampiamente gli assessori uscenti che, nonostante la sospensione delle deleghe, sono rimasti a lavoro fino alla fine.

Di fatto, la scelta è maturata solo oggi, nella tarda mattinata, ed è stata ufficializzata e comunicata alla nuova squadra praticamente in diretta, proprio nel corso dell’incontro con la stampa. Nicosia ha affermato che, fino alla fine, avrebbe voluto sostituire tutti. Invece, come preannunciato da Ragusah24.it, della Giunta uscente è rimasto Filippo Cavallo, che mantiene la carica di vicesindaco e si dovrebbe occupare di manutenzioni, lavori pubblici e protezione civile.
Le deleghe, comunque, non è detto che rimangano quelle annunciate oggi, potrebbero cambiare domani mattina nel corso di un briefing in programma a Palazzo Iacono alla presenza degli assessori uscenti e dei nuovi.

In squadra arriva anche Francesco Cannizzo, che rimane anche segretario del PD e dovrebbe assumere le deleghe alla Solidarietà, all’anagrafe e allo stato civile.
Il Partito Democratico mette in campo anche Enzo Cilia con le deleghe all’urbanistica, al bilancio, alla programmazione economica e ai tributi.

Dal mondo della cultura, e non della politica arrivano, invece, il Prof Gaetano Bonetta (già Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia e Scienze della Formazione e attuale direttore del dipartimento di Scienze Filosofiche e Pedagogiche dell’università D’annunzio di Chieti-Pescara) e il maestro Arturo di Modica. Il primo si dovrebbe occupare di Pubblica Istruzione, Formazione, Gestione e rilancio delle strutture museali e culturali; il secondo – artista e scultore di fama (suo il toro che campeggia a Wall Street) – si prenderà cura di progetti culturali ed artistici, creatività e promozione.
Entrambi, oltre che assessori, dovranno essere ambasciatori delle eccellenze vittoriesi in Italia e nel mondo.

Il volto rosa della Giunta sarà, invece, quello di Lisa Pisani (imprenditrice, laureata in Economia e Commercio). A lei dovrebbero andare le deleghe allo Sviluppo Economico, all’Agricoltura e al Turismo.
Al loro fianco lavoreranno, come consulenti gratuiti, numerose altre professionalità ed eccellenze del territorio. A cominciare dal giovanissimo Yuri Impellizzeri, capelli colorati e studente al quarto anno dell’istituto professionale operatore industria elettronica.
Il sindaco ha dichiarato di essere rimasto particolarmente colpito dalla sua personalità in occasione delle recenti occupazioni degli istituti scolastici cittadini e lo ha definito: “un vero leader studentesco”. Si occuperà delle iniziative giovanili destinate ad una migliore fruizione del diritto allo studio e a far riavvicinare a Palazzo Iacono i ragazzi delle scuole superiori e del mondo dell’Università.

Di diritti civili, tutela dei soggetti più deboli e accessibilità si occuperà, invece, Carmelo Comisi con un incarico part time nello staff del sindaco.
Sono state, poi, confermate le deleghe alla Protezione Civile e all’anagrafe ai consiglieri comunali Giulio Branchetti e Giombattista Faviana. Anche la Vittoria Mercati rimane saldamente nelle mani del Presidente Emanuele Garrasi mentre per l’Emaia, dopo le dimissioni di Giovanni Denaro, si annuncia un periodo di commissariamento.
“Spero possa durare al massimo due-tre mesi e che si possa poi arrivare ad un nuovo cda” ha dichiarato il primo cittadino: “ma nel frattempo affido l’ente fieristico a Giuseppe Sulsenti e al giovane Alessandro Basile affinchè possano traghettarlo verso la solidità dell’unica fiera siciliana”.

A tutti loro Nicosia, che per il momento terrà per sé le deleghe all’Avvocatura, alla frazione di Scoglitti, alla Polizia Municipale e al Personale ha chiesto di entrare subito nei ruoli per iniziare a dare risposte alla città nell’immediato.
“L’ambizione programmatica è forte”, ha detto: “nell’ultimo anno e mezzo di legislatura che rimane voglio che si corra e che personalità esperienti facciano da collante con le new entries. La nostra è una città che, all’esterno, viene vista come la terra delle eccellenze ma che i locali, invece, facilmente denigrano. Uno degli obiettivi dovrà essere proprio quello di amare Vittoria un po’ di più“.

Inevitabile, infine, un riferimento ai lunghi tempi che la verifica ha richiesto. “Le settimane in più ci sono servite per l’ascolto e il confronto con i cittadini. Non è stato un classico rimpasto e non è stato un lavoro facile ma sono fiero di quello che, alla fine, ne è venuto fuori“.
“Volevo uno scossone e voglio entusiasmo anche perché le cose da fare sono tante. A cominciare dalle politiche ambientali e dalla raccolta differenziata, dal PRG che giace nelle secche in cui l’opposizione lo ha confinato, dai diritti civili (unioni di fatto e registro del testamento biologico) e dallo sviluppo economico che passa in primis attraverso l’agricoltura”.