Calcio ibleo: Modica-Siracusa sfida show. Ragusa a Pachino per continuare la corsa

0

Tutto pronto allo stadio comunale “Pietro Scollo”, per Modica – Siracusa.
Atteso il pubblico delle grandi occasioni per questo match d’Eccellenza diventato un classico dei campionati dilettantistici degli ultimi anni.

Per l’occasione il questore di Ragusa ha dato il via libera ai tifosi aretusei che dunque potranno tornare sugli spalti del Pietro Scollo a 8 anni di distanza dall’aggressione del giovane modicano da parte di tre supporters siracusani che è costata l’interdizione alla tifoseria ospite fino a domenica. Anche se non si capisce perchè all’andata non sia stata data la stessa opportunità ai tifosi rossoblù.
350 biglietti sono stati mandati alla società aretusea che li venderà fino al mezzogiorno di sabato. Dopo non sarà più possibile acquistare tagliandi. La stessa società del Modica ha invitato i propri tifosi ad acquistare il tagliando in prevendita per evitare lunghe code ai botteghini. Sempre che la tribuna A venga ritenuta idonea dalla commissione appositamente convocata per domani mattina. Sarà massiccio lo spiegamento di forze dell’ordine.

Da un punto di vista tecnico c’è poca storia. Il Siracusa di Peppe Mascara è di un’altra categoria e le sette vittorie consecutive lo dimostrano.
Il Modica dovrà puntare tutto sull’agonismo, sul cuore e sulla tradizione. In passato l’undici aretuseo ha perso più di un campionato nella Contea L’anno scorso Modica – Siracusa ebbe uno strascico di polemiche infinito vista la direzione di gara del signor Costanza di Agrigento. Nella squadra rossoblù dovrebbe esordire il nuovo centrocampista acquistato in settimana, Roberto Rosi, (classe ’85, proveniente dalla Serrese Calcio di ViboValentia).
Filicetti e Schiavo, tra l’altro grandi ex siracusani, non avranno grossi problemi di formazione e dovrebbero confermare l’undici che tanto bene si è comportato a Barcellona.
Nel Siracusa assenti sicuri Montella e Conti. In forse Fabio D’Agosta che in settimana non ha partecipato all’amichevole persa 3-2 con la Primavera del Catania. Se l’ex vittoriese non dovesse farcela ecco pronto Luca Strano che comporrà il super tridente offensivo con Contino e Mascara. L’ex capitano del Catania sta attraversando un ottimo periodo di forma e già all’andato ha punito la retroguardia modicana con una doppietta.

Ma la domenica del calcio ibleo vede anche un altro nteressante match a Giarre tra i gialloblù, freschi finalisti di Coppa Italia, ed il Vittoria che, pur tra mille difficoltà societarie sta cercando di onorare il campionato.
Grazie ad una prestazione maiuscola i gialloblù in settimana hanno elminitato il Milazzo nella partita di ritorno delle semifinali. Decisiva nel primo tempo la rete di Aleo cui replica Nirelli nella ripresa. A nulla è valsa la reazione mamertina. Il Giarra sfiderà in finale il Marsala. Se da un lato  questa partita può aver tolto preziose energie agli uomini di Romeo, dall’altro il morale è alle stelle. Il Vittoria sarà la solita incognita di questi ultimi tempi. Speriamo che una volta per tutte Barravecchia riesca a risolvere la situazione e garantire un po’ di serenità all’ambiente.

In Promozione: trasferta a Pachino per l’USD Ragusa di Salvatore Utro. L’undici azzurro è la squadra più in forma di questa parte di stagione. Ed è reduce dalla vittoria netta sulla vice capolista Gela e viaggia a mille.
I pronostici dicono Ragusa, ma attenzione a sottovalutare una squadra che lotta per la sopravvivenza e che dispone di giocatori di esperienza, capaci di tirare fuori la zampata vincente in ogni momento. Chiaramente, se gli azzurri giocheranno come sanno non ci saranno problemi a tornare a casa con il bottino pieno. Grande momento di forma per le ali, Sella e Valerio che con Vicari compongono un tridente completo in ogni aspetto. Vincere per gli azzurri vorrebbe dire approfittare appieno del turno di riposo di Santa Croce e Palazzolo ed inserirsi in zona playoff.

Un Comiso in piena metamorfosi andrà a Gela a giocarsi un incontro fondamentale per la salvezza. Tesserati Linguanti, Costa e Principato, tutti provenienti dal mercato degli svincolati. Si aggiungono a Caruso e Valerio già presi a dicembre. Sul piede di partenza però Mascara e Giallongo. Bisognerà anche trovare un attaccante da affiancare a Pecorari e Rimmaudo. Dall’altra parte un avversario, l’Atletico Gela, che è uscito con le ossa rotte dall’ultimo turno a Ragusa e che avrà una grandissima voglia di rivincita per non perdere contatto dalla Leonzio e respingere gli assalti al secondo posto di Gela e Santa Croce.