Come migliorare il cibo delle mense scolastiche di Ragusa? Con una raccolta firme

7
Mensa scolastica, richieste on line
Immagine di repertorio

Una raccolta firme per migliorare e potenziare il servizio sulla refezione scolastica. Questa è l’iniziativa attivata dal gruppo consiliare del Partito Democratico a Palazzo dell’Aquila composto da Giorgio Massari, Mario D’Asta e Mario Chiavola.

I tre democratici, considerando la scadenza della proroga del servizio comunale rivolto agli alunni che frequentano le scuole dell’infanzia, si stanno attivando per incidere sui criteri di redazione del capitolato d’appalto in vista della gara per riaffidare, su nuove basi, la refezione scolastica.

“Abbiamo lanciato l’iniziativa relativa alla petizione in Consiglio comunale, durante la seduta convocata una settimana fa. Dopo i continui disservizi e le ripetute inefficienze”, ha spiegato Mario D’Asta: “crediamo che si debba intervenire con una forte raccolta di firme dal basso, migliorando e potenziando il servizio stesso per tutelare, sempre di più, la salute ed il futuro dei bambini della nostra città”.
Per fare ciò, continuano, è: “necessario puntare sulla qualità e sulla sicurezza del cibo. Ecco perché, attraverso la petizione, chiederemo all’Amministrazione comunale di inserire all’interno del capitolato, oltre alla intensificazione dei controlli e delle ispezioni, l’aumento in maniera sensibile della quota procapite per ogni bambino e di passare, quindi, da 3,70 a 5,00 euro a persona con un aumento di circa il 50%. Ovviamente” ha concluso D’Asta “senza chiedere nulla, economicamente parlando, ai nostri concittadini”.

Se a causa di passaggi normativi dovessero verificarsi aumenti del ticket, i democratici propongono, tramite un modello fiscale progressivo, di non andare a vessare le fasce medio-basse, di lasciarle quindi fuori da aumenti e semmai di incidere sulle fasce più alte. “Tutto questo sarà possibile” sostengono “attraverso una rivisitazione delle fasce Isee“.