Modica già in festa per San Giorgio, ieri sera la ‘scinnuta’. Ecco tutte le foto

16

Se il buongiorno si vede dal mattino la festa di San Giorgio quest’anno sarà davvero straordinaria.

Ieri sera infatti la cosiddetta “Scinnuta” della Statua del Santo Cavaliere è stata una vera e propria pre-festa con tanto di banda musicale, fuochi d’artificio e tanta, tantissima gente che è voluta essere presente al momento che dà il via ufficiale ai festeggiamenti in onore del Santo Patrono di Modica. Suggestivo il momento in cui i portatori hanno aperto la porta della Cappella in cui viene conservato il simulacro di San Giorgio sostenuti dalla folla che acclamava come di consueto “Giorgio, Giorgio”.

Poi la nuvola rossa ha preso in spalla la Statua e ha portato per la prima volta in processione fuori dalla Chiesa, San Giorgio. Un breve assaggio di quello che avverrà il giorno della festa. Al rientro la Statua è stata accolta dai giochi d’artificio e poi dentro la Chiesa sono iniziati i famosi “gira” prima di sistemare la Statua a fianco all’altare dove resterà fin dopo la festa. La prima novità dell’edizione 2016  è avvenuta quindi proprio ieri sera infatti  la cosiddetta “Scinnuta” di solito si svolgeva la sera della domenica di Pasqua mentre quest’anno è stata posticipata al primo di aprile. Il motivo, com’è noto, è legato alla decisione di prolungare i festeggiamenti della Madonna Vasa Vasa anche di sera. Festeggiamenti a cui i portatori hanno preso parte sostenendo con la loro esperienza i ‘colleghi’ di Santa Maria di Betlem. Quest’anno infatti si celebra il Giubileo della Misericordia e questo influirà anche nei festeggiamenti di San Giorgio che ha deciso di inserire tra le tappe della sua processione lungo Corso Umberto anche quella al Santuario della Madonna delle Grazie dove certamente entrerà attraversando la Porta Santa.

Tutto avrà inizio il 22 aprile con una cena solidale nel Salone della Chiesa di San Giorgio. Poi giorno 23, il giorno del Santo, ci sarà la tradizionale messa con l’uscita della Statua di San Giorgio in miniatura portata a spalla dai piccoli portatori ed infine domenica 24 il clou della festa.