Spaccio di cocaina nel litorale ragusano, tre arresti e due persone ricercate

97

La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – ha eseguito il provvedimento di misura cautelare in carcere a carico di Ismet Totraku, Elis Rustami, e Dashnor Tosku,  albanesi, per il reato di traffico di cocaina.

GENESI

Nei mesi invernali del 2016 alcuni cittadini segnalavano la presenza presso la frazione balneare di “Casuzze” (da qui il nome dell’operazione) di un gruppo di albanesi che andavano in giro con macchine di grossa cilindrata asserendo di lavorare nelle serre.

Questa ostentazione di ricchezza è costata cara agli albanesi in quanto non appena ricevute le segnalazioni, la Squadra Mobile, congiuntamente agli uomini del Commissariato di Vittoria, ha dato avvio ad un’articolata indagine.

LE INDAGINI

Dapprima gli investigatori in borghese hanno verificato la presenza dei soggetti segnalati, individuando degli albanesi che dimoravano a Casuzze. Successivamente i soggetti sono stati pedinati fino a quando non è stato notato uno scambio di un involucro con un cittadino italiano che fermato poco dopo è stato trovato in possesso di una dose di cocaina.

La Squadra Mobile ha informato di quanto accaduto il Pubblico Ministero Dott. Fornasier che ha dato avvio alle intercettazioni telefoniche.

Le indagini hanno permesso di appurare che gli indagati avevano costituito un gruppo di sei persone tutte di origini albanesi ad eccezione di un cittadino italiano.

Già in primavera il gruppo era in fibrillazione poiché gli affari iniziavano a decollare, ma tra le intercettazioni più significative, vi è stata quella che registrava il loro entusiasmo per l’estate alle porte “tra un mese la zona si riempirà di persone, quindi ci sarà il boom e si lavorerà bene”.

Effettivamente l’indagato non aveva torto, difatti da lì a poco Marina di Ragusa e la stessa Casuzze si riempivano di villeggianti e turisti. Purtroppo molti di coloro che frequentano la movida di Marina di Ragusa, quindi i locali di Piazza Duca degli Abbruzzi e del litorale tra più belli d’Italia, fanno uso di cocaina.

Numerosi gli acquirenti identificati mentre acquistavano cocaina in un’officina meccanica di Marina di Ragusa, così come quelli che aspettavano la droga nei locali della movida o ancora nelle vie di accesso alle spiagge di Casuzze.

Tra gli acquirenti anche alcuni spacciatori di Scicli che poi rivendevano la droga in quella zona, ma per questi reati sono già stati arrestai in passato.

Le attività d’indagine effettuate permettevano di acquisire una consistente mole di risultanze indiziarie che, da gennaio e fino al mese di agosto 2016, hanno visto protagonisti il gruppo di albanesi.

Importante il flusso di cocaina gestito in provincia dagli immigrati albanesi che durante le intercettazioni parlavano in codice. Come attività di copertura gli indagati lavoravano e tuttora lavorano nelle serre di Santa Croce Camerina, pertanto la cocaina per loro era pomodoro. Per gli investigatori sentire parlare di “pomodori da tagliare” o di “casse da vendere a 5.000 euro” era segno evidente che stessero parlando di droga.

Uno degli albanesi aveva dimorato per anni in Inghilterra ed aveva collegamenti con la Germania, tanto che uno dei carichi proveniva proprio da un connazionale ivi residente.

Le operazioni di intercettazione sviluppatesi via via su numerosi obiettivi si rivelavano utili a tratteggiare i rapporti tra consumatori e rivenditori al minuto (c.d. spacciatori di piazza).

Due dei soggetti indagati sono stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di 20 grammi di cocaina. A seguito di quell’arresto, uno è stato espulso dall’Ufficio Immigrazione pertanto oggi non è tra i soggetti catturati poiché in Albania, mentre Tosku Dashnor essendo rimasto in Italia è stato assicurato alla giustizia.

Il giro d’affari degli arrestati era di rilevante entità poiché il prezzo della cocaina rimane alto. Decine di migliaia di euro sono stati incassati dagli indagati durante il periodo estivo.

Lo scorso mese di febbraio, il dott. Santo Fornasier aveva delegato la Squadra Mobile al fine di verificare preliminarmente se gli indagati operassero ancora sul territorio ibleo.

Al termine dell’attenta disamina presentata dalla Polizia di Stato, il Pubblico Ministero, valutando positivamente i dati raccolti, ha depositato  a una richiesta di emissione di misure cautelari in carcere a carico di 6 indagati. Dal Gip il via libera a cinque dei sei provvedimenti richiesti.

LE CATTURE

Gli uomini della Squadra Mobile di Ragusa e quelli del Commissariato di Polizia di Vittoria alle 3.30 di questa notte erano già a lavoro. Dopo aver pedinato nei giorni scorsi gli indagati al fine di ricercarli sul territorio, hanno constatato che due dei 5 destinatari del mandato di cattura non erano più presenti in Italia. Uno degli indagati, come detto sopra, era stato espulso a seguito dell’arresto per detenzione di cocaina; un altro di cittadinanza italiana nelle more si è trasferito all’estero.

Tre sono gli albanesi catturati e condotti in carcere, mentre per gli altri verrà emesso un provvedimento di cattura internazionale ed inviato al paese che attualmente li ospita.