Vittoria, nuovo comandante della Polizia municipale. Sallemi: “Atto da ritirare”

463
Vigili urbani h24
Il consigliere comunale Salvo Sallemi, capogruppo di FdI, è intervenuto sulla questione del nuovo comandante della Polizia Locale che sarebbe stato individuato dall’amministrazione comunale. Un ex dipendente, ora in pensione, è stato nominato prima consulente a titolo gratuito e adesso dirigente della Polizia Locale.
“A segnalare le mostruosità amministrative di questa vicenda ci ha già pensato il sindacato Ugl con una nota articolata. E’ indubbio che l’amministrazione Aiello brancoli nel buio più totale e che agisca senza tener conto delle regole che delimitano i procedimenti amministrativi. A pagarne lo scotto sono i cittadini che rimangono con un corpo di Polizia Locale “monco” dopo l’addio del comandante Amarù, una professionalità indubbia, guarda caso dopo pochi giorni dell’insediamento di Aiello”, dice Sallemi.
“Il sindaco deve ritirare questa delega delle funzioni dirigenziali conferita a un ex dipendente comunale, ora in pensione, assoldato nella vagonata di consulenti a titolo gratuito. Per renderlo “dirigente” è stato addirittura modificato il regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi (Ruos), non c’è stato alcun bando ad evidenza pubblica, è stata modificata la deliberazione che prima vedeva un impegno di spesa (non era un consulente gratuito?) e poi è stato tolto il riferimento alla parte economica. Inoltre non potrebbe, il consulente, avere poteri di polizia giudiziaria: questi atti sono stati vagliati, cosa ancora più grave, dal segretario generale che è anche il responsabile anticorruzione e trasparenza! All’interno del corpo di Polizia Locale vi sono dipendenti, in servizio, che hanno titoli e curriculum in grado di poter rivestire il ruolo e la procedura “Aiello” appare, alla luce di ciò, come ancor più spericolata. Siamo nelle mani di una amministrazione che, rimasta ferma agli anni ’80, sconosce l’abc del funzionamento di un Comune. A breve depositerò un’interrogazione per chiedere chiarezza”.