Ci sono voluti 15 anni, ma ecco il bando per la rotatoria di Dente-Crocicchia

32

Domani è il grande giorno: nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana sarà pubblicato il bando di gara per la realizzazione della rotatoria di Dente-Crocicchia. Un momento che i cittadini attendono da ben 15 anni, tenuto conto che l’incarico ai progettisti è stato affidato nel 1999, che nel 2007 era arrivato il primo finanziamento di 2,7 milioni di euro, ma che finora non era stato mai possibile arrivare al traguardo.
IMG_1124Dato che l’importo dei lavori è particolarmente elevato, per la precisione 3 milioni e 880 mila euro, a fare la gara non sarà il Comune di Modica, ma l’Urega, che ha fissato il termine ultimo per la presentazione delle offerte al 28 novembre, per poter procedere il 3 dicembre all’apertura delle buste.
Dalla consegna dell’incarico all’impresa che si aggiudicherà l’appalto, si calcola che ci vorranno 558 giorni per completare i lavori: 20 mesi, circa, che lasciano presupporre che nella migliore delle ipotesi l’opera sarà consegnata alla città solo alla fine del 2016.
“E sarà una svolta per la viabilità e soprattutto la sicurezza lungo l’asse viario della SS115”, hanno commentato questa mattina in conferenza stampa il sindaco Ignazio Abbate e l’assessore ai Lavori pubblici Giorgio Linguanti, ricordando come nel corso degli anni il progetto – firmato dall’ingegnere Antonio Garaffa e dall’architetto Vincenzo Cicero – sia stato sottoposto a numerose modifiche proprio per renderlo maggiormente adeguato a superare tutte le criticità della viabilità in quella zona. Oltre all’ingresso e all’uscita dal quartiere Dente, infatti, ci sono da considerare gli accessi verso il cimitero e quelli verso contrada Scardacucco-Piano Ceci: tutti punti davvero “critici” del sistema viario, in cui nel corso del tempo si sono verificati moltissimi incidenti.
Con un sistema di rotatorie e bretelle di collegamento che interesseranno tutto il tratto che va dal Ponte Guerrieri al Cimitero, non ci saranno più incroci pericolosi e si renderà più fluido sia il traffico sull’asse centrale, in direzione Siracusa o Ragusa-Catania, sia quello verso il centro.
“Siamo soddisfatti – ha aggiunto il sindaco Abbate – soprattutto perché quest’opera rischiava di diventare il simbolo di una grande incompiuta, a fronte di 2,7 milioni di euro di finanziamento che avevamo in banca inutilizzato. Il Comune farà la sua parte, con la propria quota di finanziamento, a partire dal 2015: tutte le polemiche sul fatto che non abbiamo finanziato l’opera già nel 2014, si rivelano inutili, a fronte di una gara che verrà celebrata solo a dicembre. Invece quei soldi li abbiamo usati per fare altri piccoli appalti. E posso assicurare che l’anno prossimo forzeremo ancora di più in questa direzione e, in un modo o nell’altro, riusciremo a finanziare anche un’altra opera strategica per la viabilità, ovvero le rampe di collegamento a via Caitina”.