Come nuova: la statua di San Giorgio a Modica dopo il restauro. Pronta alla Festa

868
Ecco come appare, dopo il restauro, la statua di San Giorgio a Modica | Foto di Giovanni Antoci

La città di Modica è in trepidante attesa. Domani potrà finalmente festeggiare il suo Patrono San Giorgio e, nonostante gli imprevisti delle ultime settimane, tutto è pronto. Compresa la statua del Santo che, di recente, è stata interessata da una serie di lavori di manutenzione finanziati dal Lions Club di Modica.

La statua è tornata all’antico splendore. Via le vernici che, negli anni, avevano occultato alcuni particolari, come i colori originali del volto e dei calzari, con i legacci in oro tipo condottiero e della corazza. Inoltre è stato riportato alla luce il certosino intarsio del drappo damascato sulla sella in cui siede il santo.

I lavori di manutenzione hanno confermato che la statua è fatta interamente in legno scolpito ed intarsiato con una struttura in ferro portante, facendo così sfumare la leggenda che la statua di San Giorgio sia fatta di cartapesta. Anche la spada d’argento è stata lucidata e riportata a nuovo con l’intervento di un argentiere di Modica.

In questi mesi sono stati centinaia i fedeli e i turisti che hanno ammirato il nuovo look della statua di San Giorgio di Modica, che domani sarà portato in spalla dai devoti lungo le vie della città.

Domenica 26, il programma dei festeggiamenti in onore del Santo, inizia al mattino presto: le celebrazioni eucaristiche saranno ogni ora fino alle 16.00 e alle 16.30 inizierà la lunga processione che attraverserà tutta la parte alta e la parte bassa della città, accompagnata dalla banda musicale di Modica e dall’asso- ciazione musicale Toscanini di Ispica.

L’associazione dei portatori di San Giorgio ha già preparato tutto per l’uscita trionfale e per il percorso, nonostante il tentativo di “boicottaggio” subito, circa due settimane fa, con il furto della carta e degli altri materiali, che erano custoditi all’interno della Chiesa di San Michele, alle spalle del Duomo.
Al rientro della statua, sulla facciata di San Giorgio ci sarà una proiezione in videomapping dal titolo “La vittoria del bene”, a cura di Elisa Sonia Nieli di Palazzolo Acreide, prima dei tradizionali fuochi d’artificio.