Pallavolo, il derby di Modica è servito. Come lo vivono i due capitani

3

Un derby è sempre un derby. Società amiche-nemiche, della stessa città (o zona) che si incontrano e si scontrano.
Giocatrici che si conoscono a memoria, che condividono gli stessi spazi tutta la settimana ma che per due volte l’anno si ritrovano l’una opposta all’altra.

Cresce l’attesa per la stracittadina di sabato tra la Volley Motuca Trade e la Pro Volley Team Modica.
La capolista biancorossa contro la sorpresa bianco azzurra di questo torneo.
Ennio Cutrona contro Carmela Lauretta. La meglio gioventù della Volley contro la nobiltà della Pvt. L’attesa sale, come le aspettative.

Ci facciamo raccontare i segreti e le aspettative dai due capitani, rigorosamente made in Modica, Alessia Pitino per la Volley e Carmelisa Arrabito per la Pvt.

Come si vive la settimana che porta al derby?
Alessia: “Non è solo questa settimana, la strada che porta al derby è ancora più lunga. Non avendo giocato abbiamo avuto due settimane per prepararci a questa partita. Purtroppo non abbiamo avuto molto tempo di provare la squadra perchè molte di loro sono fuori per studiare però vi posso assicurare che  si vive davvero tanto
Carmelisa: “Una settimana particolare. Ogni partita è importante ma il derby è tutta un’altra cosa. Ed è sempre un punto interrogativo, una partita che noi sentiamo particolarmente”

Cosa vuol dire per te essere il capitano della tua squadra alla vigilia di questa sfida?
Alessia: Mi sento il dovere di trasmettere la voglia che ho di vincere la partita a tutte le altrte, soprattuto alle più piccole che non hanno ancora capito bene cosa vuol dire giocare un derby.
Carmelisa: Quest’anno per il gruppo che abbiamo non conta chi è il capitano, però è sicuramente una bella sensazione. Tutte sentono il clima derby, non hanno bisogno del capitano che ricordi loro l’importanza della partita. Ci sarà tanta gente, sicuramente avranno più tifosi loro ma questo ambiente ci caricherà.

Se l’anno prossimo ti cercasse l’altra squadra, ci andresti?
Alessia: Non penso perchè voglio restare sempre fedele a questa maglia, non ho niente contro la Pvt ma sono troppo affezionata alla Volley. Solo nel caso in cui la Volley dovesse decidere di non fare più la squadra potrei prendere il considerazione l’ipotesi.
Carmelisa: Io sono cresciuta con la Pvt da sempre, quindi mi chiedi di dare una risposta molto difficile. Loro sono un’ottima società, hanno un grande settore giovanile che negli ultimi anni sono riusciti a far crescere fino a farlo diventare il più importante della zona. Poi c’è Carmela Lauretta che mi ha cresciuto pallavolisticamente oltre naturalmente a Donato Borgese. Formano una coppia stupenda di allenatori che danno una marcia in più alla loro squadra.

Chi è la favorita alla Promozione?
Alessia: Pvt, Paternò e Pedara sono le squadre più attrezzate per il salto di categoria. Noi siamo una squadra che sta crescendo partita dopo partita, siamo partite per salvarci ma oggi realisticamente miriamo ad un piazzamento tra le prime cinque.C’è molto equilibrio e sono sicura che daremo del filo da torcere a tutte.
Carmelisa: Tutti ci indicano come i favoriti ma abbiamo ancora tanta strada davanti. Abbiamo perso solo una partita contro Paternò ma penso che sia stata la loro partita della vita, quella in cui non hanno sbagliato nulla. Quindi non le vedo come favorite. Semmai vedo il Planet Pedara come nostra principale antagonista.

Cosa ti piace dell’altra?
Alessia: In estate ho partecipato a diversi tornei amatoriali nella sua squadra, ho imparato ad apprezzarne l’umiltà e la tranquillità che riesce a trasmettere alle sue compagne.
Carmelisa: Alessia è una ragazza dolcissima e di sani principi. Molto sincera in tutto quello che fa, nella vita come nel campo. Da un punto di vista tecnico è un’ottima giocatrice, con molti colpi. Ottima difesa e ricezione riesce a non lamentarsi mai.

Quale giocatrice toglieresti alla Pvt?
Alessia: Giuliana Di Emanuele per la grinta che mostra in campo
Carmelisa: Marika Caruso è quella che fa più “danni” da loro. Vincendo il campionato di B ha dimostrato di essere un lusso per questa categoria.

Infine un pronostico…
Alessia: Anche l’anno scorso erano favorite ai playout ma poi sappiamo tutti come è finita. Un derby è sempre una partita a se stante. Quest’anno sono stra favorite ma non partiamo battute, speriamo di ribaltare il pronostico e fare un regalo al campionato e a noi stesse per Natale.
Carmelisa: Pronostici non se ne fanno. Spero naturalmente in un bel 3-0 per noi ma so che è veramente dura. Sia per il valore delle “cugine” sia per la posta in palio. Stanno facendo un ottimo campionato, spero per loro che ricomincino a vincere ormai dal prossimo anno.